Positano: famiglia, romanticismo e paesaggi mozzafiato per il compleanno di Egle

Positano
Sicuramente una delle località più belle d’Italia come negarlo ?! Non accessibile a tutti però. Decidiamo di intraprendere questa 3 giorni campana per il compleanno di Egle.
La macchina pronta, direzione Positano ! Non proprio una meta vicina da raggiungere con la macchina. In molti la sconsigliano, visto che non ci sono molti parcheggi, e quei pochi sono molto costosi, ma incuranti delle raccomandazione decidiamo di affrontare il viaggio 🙂
Dopo 5 ore di viaggio arriviamo finalmente a Napoli, e iniziamo a percorrere la costiera, di fronte a noi si aprono scorci unici e paesaggi bellissimi.
Dopo una curva ad angolo ecco il  carretto ambulante che vende granite e limonate, incuriositi decidiamo di fermarci, per non restare neanche un po delusi, limonata e granita al limone buonissime e decisamente a buon mercato: 1€ a bicchiere.
Arrivati all’inizio di Positano, iniziamo a scendere con la macchina direzione: il nostro hotel. Per fortuna il nostro aveva anche il parcheggio incluso non male considerando i costi dei parcheggi.
Qui esistono molti tipi di hotel 3/4/5 stelle, tutti con lo stile inconfondibile della costiera ma  soprattutto tutti molto costosi. Alla fine di questa storia troverete i una piccola scelta fatta da me per voi !
Ci mettiamo comodi e decidiamo di scendere in spiaggia per poter ammirare dal basso la bellezza del paesaggio arroccato di Positano.
Camminando incontriamo negozi tipici dove si possono ammirare mattonelle dipinte a mano, meravilgiosi abiti di Lino, prodotti tipici per i più golosi fino ad arrivare ad una galleria naturale totalmente ricoperta di fiori e piante.
Arrivati finalmente in spiaggia, decidiamo di noleggiare un ombrellone con lettini (qua i prezzi sono tutti uguali) un po’ come avviene per il petrolio 🙂
Si può scegliere la fila dell’ombrellone ed in base a quella ti sarà dato il prezzo. Ci rilassiamo sulla spiaggia di ciottoli di Positano per ammirare il paesaggio e scattare qualche foto (dove c’è Egle ci sono tante belle foto solitamente)… 🙂
Alzando gli occhi vedo una terrazza di un ristorante con una vista veramente unica del paesaggio, decido allora, che quella sarà la nostra meta per il compleanno della mia compagna. Il Ristorante era Buca di Bacco <3.
Dopo i classici selfi e foto di rito decidiamo di tornare in hotel per cambiarci e prepararci per la serata. Tutti in tiro, siamo pronti per iniziare i festeggiamenti, ci sediamo al nostro tavolo, sulla terrazza del ristorante ed in silenzio (lo era anche Zoe stranamente) ammiriamo il paesaggio e dopo qualche minuto di ambientamento, prende piede la Blogger che è in Egle per iniziare a fare foto ed essere immortalata ed immortalarci nel paesaggio. La cena scivola via perfettamente, piatti di pesce molto buoni ed abbondanti peraltro ma arriva la sera e Zoe inizia ad essere stanca, quindi prendiamo il bus navetta e torniamo in hotel. Vi ricordò però che c’è una zona dove le macchine non possono entrare, quindi quella parte la dovrete fare sempre a piedi 🙁
Il giorno dopo decidiamo di fare un giro a Capri, facilmente raggiungibile tramite battello
( 30 minuti circa). Giornata molto stancante, ma altrettanto bella, se non fosse stata per la tanta pioggia caduta. Neache la giornata grigia è riuscita a rovinare la bellezza di Capri.
Rientrando a Positano, decidiamo di fermarsci subito al centro/ porto/ spiaggia
( sono le solite cose) a mangiare.
Ci lasciamo convincere a provare un altro ristorante/pizzeria Chez Black, consigliato da turisti indiani trovati in hotel. La scelta devo dire non è stata azzeccatissima, abbiamo deciso di mangiare la pizza, molto buona ma carissima (quanto il pesce della sera prima) !
In paese esisto tanti ristoranti, se posso darvi un consiglio spassionato state attenti alle fregature.( di seguito alcuni consigli)
Per girare e visitare questo bellissimo paese bastano poche ore, per vivere però, a pieno tutte la sua bellezza, i tramonti mozzafiato, le passeggiate e le serate romantich , consiglio di soggiornare almeno per due notti.
Ciao alla prossima
Gabriele

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *