Less Plastic More Lush ! Salviamo le Tartarughe <3

Turtle Jelly Bomb

Queste si che sono grandi piccole novità <3 !

“È davvero triste sapere che ogni anno tante tartarughe muoiono a causa della plastica: a volte mangiano le borse che galleggiano in acqua scambiandole per meduse, altre volte i piccoli rifiuti impigliati fra le alghe. Se vuoi dire anche tu «no alla plastica!», afferra questa jelly bomb, riempi la vasca con acqua a temperature tropicali e rilassati: nessuna forma di vita verrà danneggiata. Rilassati sotto questo manto verde smeraldo: la gelatina ammorbidisce la pelle mentre le alghe agar agar ricordano la plastica che minaccia le tartarughe in mare. Oli essenziali di sandalo e cipresso ti tengono con i piedi per terra, mentre l’essenza assoluta di pino entra in scena col suo potere rinfrescante. Dai un taglio all’uso di plastica e… adesso spogliati!”

È bellissimo anche sapere che a Milano è aperto il primo Naked Shop, il primo negozio Lush al mondo dove i prodotti sono privi di qualsiasi forma di imballaggio, Lo potete trovare in via Torino 42. Il nuovo store si sveste del “packaging” per sensibilizzare a un possibile futuro privo di plastica ! Ma c’è anche un altra bella novità adesso anche e-commerce di Lush è diventato completamente Naked <3 <3< <3

Non vi resta che rilassarvi sotto questo manto verde smeraldo: la gelatina ammorbidisce la pelle mentre le alghe agar agar ricordano la plastica che minaccia le tartarughe in mare. Oli essenziali di sandalo e cipresso ti tengono con i piedi per terra, mentre l’essenza assoluta di pino entra in scena col suo potere rinfrescante.

Plastica negli Oceanci: come salvarli ?!
Vi consiglio vivamente di trovare due minuti del vostro tempo per leggere questo articolo,
a me ha fatto venire la pelle d’oca ed è stato spunto di riflessione 🙁
CLICCA QUI 
Nel frattempo molto felice di sapere che un supermarket di Amsterdam ha da poco annunciato la prima corsia al mondo senza plastica, con contenitori realizzati a partire da materiali alternativi.
Possiamo impegarci tutti quotidianamente nel ridurre l’uso della pplastica, informandoci sul giusto metodo di riciclo e cercando di non sprecare, per noi, pet il pianeta e per le genrazioni future <3

«Quando gli archeologi del futuro osserveranno i resti del XX e del XXI secolo, cosa troveranno? Stiamo già vivendo in un pianeta di plastica», Peter Maddox, direttore di WRAP.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *