Lush & Gli Orangotango ! Ultimi pezzi disponibili ❤

Per il Black Friday Lush ha deciso di unirsi al venerdì nero dello shopping… per una buona causa ! Venerdì 24 novembre potrete trovare un sapone in edizione limitata, Organgotango, e insieme a lui: #SOSsumatra. Lush collabora per l’occasione con Sumatran Orangutan Society (SOS), un’associazione attiva nel campo della tutela e della salvaguardia degli habitat e delle specie animali a Sumatra. Con la campagna #SOSsumatra Push si pone l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema della deforestazione e del forte rischio di estinzione degli oranghi. E non solo: avete visto il  nuovo sapone Orangotango ?! L’intero ricavato delle vendite del nuovo profumatissimo amico sarà devoluto all’associazione SOS e ai suoi partner, per acquistare 50 ettari di terreno a Sumatra e restituire agli oranghi il loro habitat naturale.
Bisogna però fare in fretta ! A Sumatra sono rimasti solo 14.600 oranghi… per questo Lush produrrà e venderà in tutti gli store europei e online su it.lush.com “solo” 14.600 saponi in edizione limitata, pari al numero di orangotango: sono purtroppo e a tutti gli effetti gli ultimi pezzi disponibili !

Il prezzo del sapone Orangotango è di 9.50€.

Helen Buckland, Presidente dell’associazione SOS commenta: “Gli orangotango che vivono allo stato selvatico sono soggetti a diverse minacce. La loro sopravvivenza dipende dalla protezione del loro habitat di origine e dalla salvaguardia della foresta. Per noi è fantastico poter riportare allo stato di foresta originaria questo terreno e poter offrire agli oranghi un posto per vivere e girovagare liberamente.” Simon Constantine, mastro profumiere Lush e responsabile dell’Ethical Buying aggiunge: “È stata proprio la Sumatran Orangutan Society a premurarsi e prendersi il tempo per mostrarmi, in prima persona, l’impatto che i nostri ingredienti avevano a Sumatra. Da quel momento ci siamo impegnati a cambiare radicalmente il nostro metodo di lavoro, rimuovendo, per esempio, l’olio di palma e la glicerina dalla base dei nostri saponi per provare a correggere il danno fatto. Personalmente credo che questo abbia rappresentato un vero e proprio punto di svolta: abbiamo realizzato che non era più sufficiente limitarsi a ciò che era meno peggio, ma dovevamo impegnarci al fine di creare soluzioni efficaci ai problemi che la palma e altri ingredienti possono causare. Ho incontrato un’associazione assolutamente efficace nel fornire soluzioni concrete direttamente sul territorio: solo per citare una delle tante incredibili iniziative di SOS e dei suoi partner, sono stati rigenerati più di 500 ettari di foresta pluviale su un terreno che ha visto piantagioni illegali di palma per oltre 10 anni.”

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Related Posts

No Comments Yet.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *